Permessi Root su Android…cosa sono ed a cosa servono

Su piattaforma linux root è l’utente amministratore che ha i privilegi più alti nel sistema (come l’utente amministratore di Windows),quindi permettono di fare qualsiasi cosa con il proprio sistema

Root in inglese vuol dire radice, e in un sistema unix la radice (/) è la cartella principale del sistema (paragonabile a grandi linee a C:\ di Windows). Avere i permessi di root, vuol dire poter agire su tutto il sistema cosa solitamente impossibile ad un utente normale che invece più accedere (con permessi di scrittura) ai soli file contenuti nella sua cartella utente (per esempio /home/utente). E così è su Android.

L’utente root su Android non è disponibile su nessun telefono in modo nativo. Questo per far si che l’utente non faccia danni al proprio telefono, dato che l’utente con permessi root puo’ fare TUTTO,quindi anche cancellare file del sistema stesso.

L’utente medio solitamente non avrà bisogno dei permessi da amministratore sul proprio telefono, mentre per gli utenti “smanettoni” è quasi un “must”!

Quindi cosa possiamo fare con i peremessi di root?

  • Possiamo accedere ai file di sistema, cancellarli, modificarli, sostituirli. Per voi probabilmente tutto questo non avrà molto senso. Ma per chi vuole ottenere tutto dal proprio telefono questo puo’ voler dire molto.
  • Utilizzare il telefono come modem UMTS/WiFi/USB. Dalla versione di Android 2.2 la funzione è già implementata,quindi in questo caso potrebbe servire a tutti i possessori con terminali con versioni antecedenti la 2.2
  • Modificare la frequenza del processore o dirgli in che modo scalare la sua frequenza.
  • Fare il backup di applicazioni (anche di sistema) con anche i loro dati. Oppure rimuovere applicazioni già installate nel dispositivo.
  • Spostare tutte le applicazioni su microSD (minimo Android Froyo).
  • Ed ancora altro

Con il root potremo quindi installare quindi, temi, modifiche al sistema ed anche tutto un firmware nuovo, firmware che vengono concepiti e resi disponibili gratuitamente da utenti “smanettoni”

Ogni telefono ha la sua guida per ottenere i permessi di root, anche se spesso possiamo utilizzare lo stesso tool per terminali diversi, questi tool sono reperibili anche nel “Play Store”

E’ importante ricordare che in alcuni casi la procedura per il root può essere rischiosa, in quanto se mal eseguita i telefoni si trasformano in “fermacarte” .

I terminali con permessi di root perdono la garanzia…

Nella maggior parte dei casi i tool per il root hanno anche la possibilità di effettuare unroot…e quindi il terminale torna come “nuovo” con la possibilità di recuperare la garanzia.

 

{lang: 'it'}

Related posts:

2 Responses to Permessi Root su Android…cosa sono ed a cosa servono

  1. Martina scrive:

    Sto cercando di usare mio smartphone come modem per il portatile,
    sono riuscito a collegare il pc tramite wi-fi al sistema android 4.2.1 ma mi segnala accesso limitato (nessun collegamento internet).
    Cosa debbo fare? ciao grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− nove = 0

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>